INFO

info@qaos.it

gruppo@qaos.it


PRENOTAZIONI

tkts@qaos.it


COMITATO DIRETTIVO 

comitatodirettivo@qaos.it


DOVE SIAMO

Via Carlo Cignani, 19, Forlì


TEL

366 498 7681


SOCIAL SOCIAL

Desdemona 2.0

06

Novembre
Spettacolo di prosa originale di Davide Linari con la messa in scena di Adler Ravaioli, "Desdemona 2.0" è un testo vincitore dei seguenti premi: - PREMIO ARLECCHINO 2016 CONCORSO AUTORI ITALIANI RIVISTA “SIPARIO e FONDAZIONE CARLO TERRON per il testo; - PREMIO "CITTA' DI PAROLE" (Firenze) per il monologo sul sipario TESTO FINALISTA PREMIO INTERNAZIONALE SALVATORE QUASIMODO "Desdemona 2.0" (che ha debuttato venerdì 4 marzo 2016 al Teatro Testori di Forlì nell'ambito della rassegna "L'Isola del Tesoro" a cura di Fo_Emozioni e Comune di Forlì) è una tragedia in atto unico: una compagnia teatrale professionistica si ritrova per discutere un nuovo progetto per la nuova stagione, una versione rivisitata dell’“Otello” di William Shakespeare. La vicenda comincia a casa del sig. Righi (Claudio Dall’Agata), il produttore, in una cena servita dal fido Goran (Sandro Briganti), il maggiordomo di origini slave, dove partecipano alcuni attori (Alberto Ricci, Azzurra Bubani, Gabriele Landi) e la regista (Gloria Rassu). Piero (Patrizio Orlandi), attore di talento ed esperienza, dovrebbe interpretare il ruolo del protagonista assieme alla giovane e bella moglie Angela (Annalisa Licata). Una serata apparentemente serena, riserverà delle amare sorprese. Durante la cena il passato bussa alle porte e risveglia vecchi ricordi e paure. La gelosia di Piero nei confronti della moglie, lo porterà a cadere in un vortice di follia che mischierà le vite reali dei protagonisti, con quelle immaginarie dei personaggi del copione. Follia, rabbia e passione faranno da filo conduttore in un dramma dagli esiti che sembrano già scritti, ma che riserveranno sorprese. Le donne vittime degli uomini, la follia che annebbia la mente e il sangue come unico mezzo per lavare il disonore. La rabbia è un sentimento che deve essere condiviso, chi ne è causa deve subirla, altrimenti non ha senso di esistere. Gli uomini hanno sempre bisogno di una scusa prima di fare del male. Faticano a diventare carnefici se non si sentono prima vittime… Il testo, opera originale di Davide Linari, già autore per QAOS del pluripremiato "Il Sonno dei Giusti", è stato insignito di prestigiosi premi e vede alla regia Adler Ravaioli, regista per QAOS di spettacoli pluripremiati da pubblico e critica nazionali (come il suddetto "Il Sonno dei Giusti" sempre di Davide Linari, "Càsina" di T. Maccio Plauto e il musical "Blood Brothers" di Willy Russell).