Il Presidente dura in carica un triennio: a lui, la firma, la direzione artistica e la rappresentanza legale dell'Associazione. Ha il compito di: convocare e presiedere le assemblee e il Consiglio Direttivo; sovraintendere alla gestione amministrativa ed economica dell'Associazione; firmare tutti gli atti relativi all'attività dell'Associazione.

 

ROBERTA PUGLIESE

Presidente in carica
(dal 2010)


GABRIELE LANDI

Presidente dal 2004 al 2010

RODOLFO DI GIOSAFFATTE
VAI ALLA SUA SCHEDA-PRESIDENTE!
Presidente dal 2000 al 2004
ALBERTO RICCI
VAI ALLA SUA SCHEDA-PRESIDENTE!
Presidente dal 2000 al 2001

SIMONA ZAULI
VAI ALLA SUA SCHEDA-PRESIDENTE!
Presidente dal 1994 al 1999

 

 

 

 

 

2004-2010
GABRIELE LANDI

VAI ALLA PAGINA DI GABRIELE!
Uno dei più amati del Gruppo e dal Gruppo. Ha alle spalle anni di ballo folk. Studia canto jazz. E' sposato con Barbara ed è papà di Emma dal dicembre 2003. Impiegato presso gli uffici della Provincia di Forlì-Cesena, è diplomato perito all'ITI.

 

 

 

 

 

ALBERTO RICCI / SIMONA ZAULI / RODOLFO DI GIOSAFFATTE

 

2001-2004
R
ODOLFO DI GIOSAFFATTE
VAI ALLA PAGINA DI RODOLFO!
Grande appassionato di musical, ha alle spalle anni di canto con il prestigioso Coro "Città di Forlì". Attualmente copre un ruolo importante in una Banca prestigiosa.

 

 

 

 

 

/

ALBERTO RICCI / SIMONA ZAULI / GABRIELE LANDI

 

 

 

 

 

 

 

2000-2001
ALBERTO RICCI

VAI ALLA PAGINA DI ALBERTO!

Diplomato al Liceo Scientifico di Forlì, ha conseguito la Laurea in ORGANIZZAZIONE ED ECONOMIA DELLO SPETTACOLO presso l'UNIVERSITA' STATALE DI BOLOGNA Facoltà di LETTERE E FILOSOFIA / Corso di Laurea D.A.M.S. / Indirizzo SPETTACOLO. Dopo essere stato tra i 20 selezionati al Master post-laurea in "IMPRENDITORIA DELLO SPETTACOLO DAL VIVO" organizzato da Università di Bologna / Dipartimento di Spettacolo, ATER (Associazione Teatrale Emilia Romagna), LegaCoop con i fondi europei FSE erogati dalla Regione Emilia Romagna, dal 2001 si occupa di organizzazione teatrale a livello professionale.

LETTERA AI SOCI:
"Con la presente, intendo inaugurare il mio mandato triennale in veste di Presidente dell'Associazione Culturale QAOS Gruppo Teatrale con la presentazione delle linee guida del mio programma di lavoro, "PLAYING OUR FUTURE" (sulla falsariga del saggio sociologico molto in voga di Rushkoff "Playing your future"). Si tratta di un piano in tre fasi, che ha lo scopo di dare al Gruppo la possibilità di una pianificazione sul lungo periodo, necessaria, non solo all'organizzazione interna dello stesso, ma in vista anche della nuova realtà collaborativa con la Cooperativa "Mercuzio", che Simona, Piero e Maria Letizia intendono portare avanti. QAOS si trova, quindi, innanzi ad un cambiamento, una svolta per alcuni, un passo successivo, a parere mio, che prosegue quelli fatti nei 5 anni passati: di cose ne sono cambiate da quando ci si ritrovò la prima volta, nel novembre del 1994 alla prima prova/provino di "Grease" (che allora poteva ancora essere chiamato come tale). Da un semplice gruppo nato per portare in scena quello spettacolo, si è passati ad una vera e propria Associazione Culturale, con un Gruppo Teatrale, la cui scelta di portare in scena temi e copioni cinematografici ha reso oramai riconoscibile e riconosciuto in tutta la città ed anche fuori. Quella del musical, poi, è stata un'altra scelta azzeccata: basti guadare al trend teatrale nazionale, ma anche, più in piccolo, alle produzioni che nella prossima Stagione saranno sfornate in quel di Forlì da gruppi che normalmente si son sempre occupati d'altro. Si è trattato di una scelta di campo felice, per pubblico ed esperienza artistica, ma che senza dubbio si rivelerà quanto mai ostica per tutti i problemi di natura legale che porterà con sé in maniera sempre più forte e pesante. Anche quella della prosa è stata un'esperienza assolutamente positiva: a differenza di altri Gruppi ed Associazioni, noi ci siamo cimentati in essa con la ferma conoscenza dei nostri limiti, della nostra inesperienza e della volontà di fare qualcosa di nuovo ed altamente formativo, tanto da aver creato non 3 semplici spettacoli, bensì, 3 laboratori. Ma si è trattato, anche, di una scelta strategica, commerciale ed artistica: da una parte, l'esigenza e la voglia di avere dei prodotti slegati da strettissimi vincoli SIAE ed agili e semplici da vendere e portare in giro; dall'altra, quella di dare la possibilità a chiunque l'avesse voluto, di crearsi una competenza artistica diversa da quella intrapresa con le nostre prime due produzioni: e così ci sono stati debutti alla regia, nuovi protagonisti, felici scoperte ed efficaci riconferme, nuovi collaboratori e così via… E che dire, poi, delle esperienze legate ai Corsi e alle Animazioni? Qualcuno potrebbe storcere il naso (io per primo non amo affatto le seconde), ma credo possano essere lette e viste come un'ulteriore chiave di volta nel cammino che QAOS ha intrapreso nel corso di questi anni: anche in questo caso si sono create o scoperte nuove passioni e competenze, e credo che per il futuro debbano essere viste e rilette in maniera ancor più arguta, potenziandole prepotentemente. Quello che ci serve è sicuramente una spinta, che solo noi stessi possiamo fornirci: tutti noi siamo parte integrante di una struttura, la quale, senza di noi è nulla, solo vuoto a perdere (visto che, oltretutto, quello che si fa e si realizza non ha e non può avere, scopi lucrativi). Non dimentichiamoci mai che, oltre al collante dato dalla comune passione per lo spettacolo, c'è qualcosa che va al di là del semplice fatto artistico: siamo un GRUPPO, di conoscenti, in generale; di amici, in molti fortunati casi. Lavoriamo TUTTI, dunque, per il bene comune, con la passione, il divertimento e la serietà che ci ha contraddistinto, in linea di massima, fino ad ora. Nessuno si dovrà mai sentire obbligato a fare e a brigare, a strafare e a strabrigare qualche cosa, ma dovrà, anche, rendersi conto della presenza e del rispetto che c'è, invece, chi, effettivamente, per tempo, voglia e/o divertimento, fa e strafà, briga e strabriga"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RODOLFO DI GIOSAFFATTE / SIMONA ZAULI / GABRIELE LANDI

 

 

 

 

1994-1999
SIMONA ZAULI

VAI ALLA PAGINA DI SIMONA!
Diplomata in Lingue straniere, dopo anni di esperienze di spettacolo a livello amatoriale, è presidente dell'Associazione Culturale "Romeo" di Forlì dal 2003 ed è tra le fondatrici della cooperativa "Mercuzio" (Forlì). Ha svolto la professione di attrice e tecnico presso la Compagnia del Teatro dell'Arca / Elsinor (Forlì).

LETTERA PER IL DEBUTTO DELLA PRIMA VERSIONE DI "C'ERANO UNA VOLTA... SETTE SPOSE PER SETTE FRATELLI":
"Mi chiamo Simona Zauli e sono nata 26 anni fa...Dal 1988 faccio parte di questa favolosa 'Giostra' che comunemente viene chiamata "TEATRO"... Come non citare quella che è stata una felice 'avventura', il LABORATORIO TEATRALE. 'Avventura', visto che è giunta ad un inesorabile declino...lascio a voi la nomina degli sterminatori. Non ho fatto scuole di Recitazione, ma Corsi di Dizione, Stage sul 'Personaggio', Corsi di Commedia dell'Arte...e lo stage con FRANCA RAME dal quale è nato lo spettacolo "TUTTA CASA, LETTO E CHIESA" ('94) E' stata un'esperienza fantastica anche perché sono entrata a fare parte dell'Ass. Cult. MALOCCHI E PROFUMI con la quale ho presenziato (concedetemelo) ad Appuntamenti di buon Teatro come "Rumori Fuori Scena" di M. Freyn ('95) e di recente "Ballata per Misteri e Omicidi a Manhattan" di W. Allen ('97). Ho inoltre sfiorato l'Oscar con un'interpretazione memorabile nello sceneggiato tv "LA TENDA NERA" in cui 'vestivo' i panni della... morta ! E nel 1994...QAOS ! Eh, sì...anch'io sono caduta nella trappola, e così ho firmato la regia con P. De Petris di ""BRILLANTINA"; ed ora "7x7". Ora sta a voi giudicare se devo iniziare una terapia d'urto o se è sensato che rimanga a GIOCARE ancora con chi come me non ne può fare a meno! Studio giurisprudenza e ne vado fiera : dopotutto si concilia perfettamente con questa sentenza - "Gli avvocati sono straordinari Attori" - ... ma non diciamo fesserie ! ! !"

RODOLFO DI GIOSAFFATTE / ALBERTO RICCI / GABRIELE LANDI